Forte Jeep 4×4 Calcio Time › Giochi di Calcio

Forte Jeep 4×4 Calcio Time


Forte Jeep 4×4 Calcio TimeDescrizione Del Gioco

Giocare online Forte Jeep 4×4 Calcio Time gratis Giochi gratuiti

Quelle parole scritte sulla porta del garage sono un avvertimento. Per ricordarmi che potrebbero coinvolgere anche te in questa faccenda. Hai… deciso di andare all’appuntamento? Un uomo che accetta un ricatto… Non è davvero il tipo ideale per far parte dell’Alta Corte. Tuo fratello Scott te lo potrà dire. Lascia perdere quello che dice Scott. È un perfetto barometro della pubblica moralità. Ha ragione. Ma se consegno il ricattatore alla polizia, non solo la mia carriera è finita. Ma anche la mia vita. Questa sordida storia comparirebbe su tutti i giornali. In pasto a milioni di lettori. Se invece, accetto di pagare, saremo tranquilli. Solo in apparenza. Cosa conti di fare? Beh, per adesso vado in ufficio. So di averti già troppo sacrificato. Suppongo che tornando a casa non ti troverò. Lascia detto dove andrai a stare, la signora Brooks… penserà a farti avere le tue cose. William… venga un momento, per favore. Sì, signore. Chiuda la porta. Credo che… la debba mettere al corrente della situazione. Mi dispiace dovergliene parlare, ma… Non so come andrà a finire questa storia. E non voglio che si trovi impreparato. Capisco la sua preoccupazione. Ma questo non può costituire la base di un’accusa. Lo so. E questa è la tragedia. Quel ragazzo credeva di sì. Non avrebbe significato se lui non piangesse. Visto che piange invece, la cosa cambia. Già. Ci si può ricavare sopra. Bisogna avere la negativa. Grazie, William. Se crede… mi rivolga qualche domanda. Non ne ha da farmene? Per anni sono stato un suo devoto collaboratore. Non vedo perché dovrei mancare proprio ora. La stazione di polizia di Fulham. Qui c’è tutto. Dì a Marylebone di arrestarli, che li prenda mentre intascano i soldi. Sì, signore. Sì. Chi? Bridie. Ascolta anche tu. Passa il signor Farr. No, in fondo non sono sorpreso. Me l’aspettavo prima o poi. Certo, signor Farr, l’ascolto. Sono arrivate sei risposte. Non c’è male come chiusura d’esercizio. Bene, molto bene Mike. Questa qui poi aveva la pancia veramente piena. Un assegno di sterline da una donna di Exeter. Frutta mica male il buon cuore altrui. Non aprirle in mezzo alla strada, Mike. Credevo che ci tenessi a sapere! Ci teniamo molto anche noi. Il giochetto è finito. Non capisco cosa intenda dire. Chi siete voi? Due agenti che vi arrestano. Si può sapere perché? Sì. Di che cosa ci accusate? Di truffa continuata. Scrivete lettere chiedendo sussidi. Dite che siete degli orfani o delle vedove cercando di spillare quattrini. “Cara signora, la tragica morte di suo marito mi ha profondamente commosso. So che nulla può lenire il suo dolore, ma spero che l’unito assegno, possa almeno aiutarla ad affrontare la situazione con maggiore serenità”. Venite, il furgone vi attende. È in ritardo con le spedizioni signorina. Cosa aspetta per andare alla posta. Stasera andrò all’ufficio qui di fronte. Non c’è mai troppa gente. Come vuole. Desidera, signore? Qual è lo scaffale dei classici minori? È quello in fondo. Posso guardare? Ma certo! Lasci. Lo raccolgo io. Ma lei è l’avvocato Melville Farr? Sì? Si accomodi qui un istante. Come osa venire nel mio negozio? Lei ha la colpa di quello che è successo. Scusi tanto, ma… non capisco cosa voglia dire. Mi ha rovinato la vita! Barrett era felice qui, con me. L’avrei fatto diventare mio socio. Qui avrebbe avuto una casa. Lei ha distrutto tutto. Capisce cosa ha fatto? L’ho capito troppo tardi. Allora, Hoey? Il denaro è stato lasciato e prelevato subito dopo. Andiamo. È quella laggiù. I soldi li ha nella borsa. Ritorna subito al comando. E togliti il vestitino buono. Non lo sciupare, eh! Riconoscerebbe il giovane dello scooter anche senza gli occhialoni? Lo riconoscerei comunque. Bene. Sandy! Sandy! Ciao. Un istante. Non posso aprire, Betty. Hai incassato? Sì, è tutto qui. Entra adesso! Guarda qua! Sono magnifiche. Sono a fuoco nonostante il teleobiettivo Tu guarda qui, che nitidezza! E le ho scattate al volo. Come fanno a essere così stupidi. Adescare un ragazzo nel parco. Peccato che abbiamo deciso di andare in vacanza. Comunque, queste qui, terranno il brav’uomo sulle spine. Mi dispiace averla finita con Farr. Avrei provato un gusto matto a far ballare quel presuntuoso. Cinque giorni e me ne vado. Sei veramente in gamba. Hai pensato anche a dare la settimana di preavviso al tuo caro principale. Senti ma Phip lo molliamo così a buon mercato? Gli daremo questa impressione. Comunque sarà qui tra poco. E naturalmente alla ripresa degli affari gli daremo un giro di vite con qualche copia delle lettere… per ricordargli… … che da noi non scappa! Sei proprio una socia curiosa, tu? Sarebbe a dire? Non so. Sei… una via di mezzo tra l’esercito della salvezza e una strega. Mi disgustano. Quando ho scoperto cosa c’era tra Doe e Barrett, mi ci sono sentita male. E ce n’è dappertutto. Ovunque ti volti. E la polizia non fa niente… niente! Qualcuno deve punirli per i loro sudici peccati. Su! Deve venire anche lei. Entri! Ma perché? Cosa volete da me? Questa è una casa privata. Lasciatemi! Che succede? Chi siete voi? Che cercate qui? Sono banconote segnate. Siete in arresto. Seguiteci senza fare storie. Lui è l’uomo dello scooter. Questo in tribunale non lo dirà. Sì, invece. E allora sarà la fine di una magnifica carriera. “Illustre avvocato con abitudini scandalose”. Sarà un vera cuc per i giornalisti! Basta così! Come siete coraggiosi, eh? Quando si tratta di proteggere degli invertiti. Si vede che abbondano anche di tra voi come dappertutto. Sta zitta! Su, in piedi. Venga anche lei. Lo lasci. È una delle loro vittime. Eh, hai sentito Phip? Sei una vittima. Lei sta prendendo una cantonata! Altro che vittima! Per una volta cane ha mangiato cane, vero Phip? Non ho nessuna colpa. Non avevo più soldi per pagare. E così mi hanno detto che se davo loro i nomi dei miei amici, per ognuno mi avrebbero ridato una lettera. Che ne pensate ora di questo Giuda? Che spettacolo rivoltante, vero? Su, andiamo. Un momento prego… scarpe. Soprabito. Pronta! Al solito, chi gode di un’alta posizione sociale… … si illude di avere sempre il coltello per il manico. Ma vedremo in tribunale come finisce. Su, in piedi. Fuori! Non processatemi col mio vero nome. Io devo ereditare un sacco di soldi. Li dividerò con voi. Ve lo giuro. Lo metterò per iscritto. Lo porto giù io, ispettore. Una volta in tribunale, quei due non avranno peli sulla lingua. Non si preoccupi, Harris. Non mi tirerò indietro. Sì, lo so. Quanto gli daranno? Con il suo aiuto, il massimo.


Commenti