Migliore Calcio Di Punizione Tempo › Giochi di Calcio

Migliore Calcio Di Punizione Tempo


Migliore Calcio Di Punizione TempoDescrizione Del Gioco

Giocare online Migliore Calcio Di Punizione Tempo gratis Giochi gratuiti

Eh, no. E allora c’è un problema. Questa frase io già sentita. Io capito bene. Voi non vendere mai albergo. Tu e tuo cugino uguali. Cugino? Ma quale cugino? Quello è mio fratello! E a un fratello si dice sempre la verità! Sa quante volte siamo stati sulle ginocchia dei nostri genitori mentre loro giocavano a carte? Sa cosa ci dicevamo tutte le notti prima di addormentarci? “Angioletto del Signore, che mi guardi a tutte l’ore, “angioletto del buon Dio, fa’ che cresca buono e pio,” “sui miei passi regna tu, angioletto di Gesù!” Scusi? Sì. La mazzetta. Ah, questa? Alle volte uno fa delle cattive figure senza che se ne rende conto. Meno male che l’ha visto lei perché io me ne sarei accorto a casa, sarei rimasto mortificato. SUONERIA DEL CELLULARE Sì? Signor Gaetano? Chi è? Sono io, Rabbisardi, il portiere dell’albergo! Venga subito, suo cugino Paolo si sta buttando dal cornicione! Ma è scemo? Venga subito, la prego! Sto arrivando io! Andategli a parlare! Gaeta’. Oh, Antonio! Ci sentiamo dopo. No! No! Dobbiamo parlare! Dobbiamo fare due chiacchiere! Anto’, ce le facciamo, ti richiamo io! Certo! Ora che sei proprietario d’albergo, non hai tempo per gli amici! Guarda che io ho capito tutto. Al laboratorio d’analisi ho trovato queste, che, a parte il nome, sono molto, molto diverse da queste altre. E allora ho capito. E adesso io e te ci dobbiamo dividere la torta. Ma quale torta? Qua non c’è né torta, né pasticcere! Bello mio, qua il silenzio si paga! E il mio te lo metto a . euro! Ma perché volete tutti i soldi da me?! Che c’è scritto qua, “Monopoli”? Così pensi? Sì! Allora vediamo cosa ne pensa tuo cugino! Ma che cavolo fai? Russo: Aspetta! Fermati! MUSICA IN SOTTOFONDO Antonio: Dove sta? Fatemelo vedere! Senti, scusa un minuto. Prima che fai quello che vuoi, ci sono un paio di cose che devi leggere. Tu, vieni qua. Queste sono quelle vere e queste sono quelle che ti ha dato tuo cugino! Dagli ‘sti fogli. Dai un’occhiata a questi! Don Gino: E fu così che Paolo non si buttò e capì che più che un albergo aveva ereditato una lite,


Commenti