Migliore Dribbling E Sparare › Giochi di Calcio

Migliore Dribbling E Sparare


Migliore Dribbling E SparareDescrizione Del Gioco

Giocare online Migliore Dribbling E Sparare gratis Giochi gratuiti

Fallo accomodare. Si accomodi. Eh, no, commissario, negli uffici pubblici non si può fumare. Eh! La legge è legge. Commissario: Ripetiamo per l’ennesima volta. Prima o poi questi signori si faranno vivi per la richiesta dei soldi e allora lei telefonerà al numero scritto su quel biglietto e ordinerà due pizze margherita! Facile! Bravo! Vado? Vada! Grazie! POLIZIOTTI TIRANO UN SOSPIRO Dl SOLLIEVO Commissario! Scusi, ho dimenticato il cellulare. Commissario! Mi scusi, ma se io devo chiamare la polizia, perché devo ordinare due margherite? Perché è un codice! Ora se ne vada! Basta! Lei chiami, verrà un nostro uomo vestito da pizza-boy! Ora vada! Vado? Sì! Un accendino che funzioni! Un accendino che funzioni! Don Mimì: Tu sei una cosa inutile, ‘na negghia, ‘na munnezza. Ti sei fatto pigghiare pu culu da quella nullità. Don Mimì, miAscolta Radio online Mi dispiace. Ti dispiace? Ma che ti dispiace? È mai possibile che devo pensare a tutte cose io? Questa cosa me la deve risolvere Pietro. Don MimìAscolta Radio online Don Mimì: Ci dobbiamo organizzare un bel servizio a uno. Va bene! SCHIAFFO Va bene. Antonio: Uuuh! Ciao, Antonio. Olga! Vieni in orario di chiusura, così sei sicura che non ci vede nessuno? Basta fare cascamorto! Allora fammi indovinare: sei venuta a dirmi che finalmente accetti il mio invito a cena? Antonio, ho un problema! Pure io. Guarda. Queste sono analisi che ho trovato nel computer di Gaetano. Sono di uno messo malissimo, maAscolta Radio online Gliele hai date tu, no? Sì, sì. Devo capire di chi sono, trovare un indirizzo, un telefonoAscolta Radio online Devo contattare questa persona. Ah, questo è suo cugino. Perché, ha un cugino? Sì. Ma questo non va bene per te. Queste sono cose private di Gaetano. Te lo trovo io uno giusto per te, non ti preoccupare. Davvero, puoi trovare? Certo! Per te ci vuole il meglio. Naturalmente una di queste sere vieni a cena con me però. Ciao, Antonio. Ciao, Olga. Sangu mio! Quanto c’ha questo?! Grazie del passaggio, ma tanto io scendo alla prossima. ESATTORE RIDACCHIA


Commenti