Veloce Rigore › Giochi di Calcio

Veloce Rigore


Veloce RigoreDescrizione Del Gioco

Veloce Rigore, Veloce Rigore gioco, Veloce Rigore gratis

all’analisi effettuata”, “uno dei membri della commissione giochi Giorgio: “A causa dell’insanabilità degli atti”, “in difetto dei requisiti giochi Luisa: “La S. V. È invitata a presentarsi” “nella corrente sessione d’esami presso il liceo ginnasio giochi Non può essere. Giornalista: Decisamente curiosa la vicenda capitata a alunni di un liceo romano. Dopo anni, l’esame di maturità è stato annullato e Io dovranno rifare. Vediamo il servizio. giochi ! Giornalista: Gli esami non finiscono mai. La Cassazione ha annullato l’esame di maturità alla I del liceo Giulio Cesare, classe . PIERO URLA LORENZO, FRANCESCA, LUISA E GIORGIO URLANO ‘Sti figli de ‘na mignotta. Giorgio: Per colpa di un cretino finto laureato, ci siamo ritrovati a doverrifare quell’esame. Proprio ora che era sparito dai miei incubi. II primo appuntamento è stato al Ba. La “R” è caduta anni fa e nessuno l’ha più rimessa. C’eravamo quando è caduta, era un giorno di primavera. Poteva essere anche autunno, ci saremmo stati Io stesso. Avevamo ognuno un motivo diverso, ma eravamo tutti intenzionati a riprendere quel pezzo di carta. A me avrebbero tolto la laurea in medicina e Io psichiatra è ciò che so fare meglio. Per Lorenzo era l’unico pezzo di carta ottenuto nella sua vita, e aveva preso il massimo dei voti. Piero, perché non sapeva che appendere in bagno. Almeno così diceva. Ma sapevamo che pur di passare un periodo con i vecchi amici, avrebbe rifatto la Prima Comunione. Cominciò un duro periodo di studio. MUSICAALLEGRA IN SOTTOFONDO BATTUTE INDISTINTE GIORGIO ESULTA RISATE Giorgio: Le prime settimane non furono fruttuose. Perfortuna, stavano per arrivare le ragazze. Si sa che le ragazze sono sempre andate bene a scuola. È una specie di dogma. Con loro avremmo iniziato a studiare sul serio. Un, due, tre giochi stella! MUSICAALLEGRA CONTINUA Giorgio: Degli altri avevamo perso le tracce. Di molti non ricordavamo che faccia avessero. Ma i loro nomi erano chiari nella nostra memoria. Francesca: Bonetti, Coppetti, Cappiello, D’Andrea, Di Modugno, Giancaspro, Maimone, Mazza, Nocente. Come si chiamava quella? Piazza! Piazza, Romanini, Salvatori, Stacchi, Verusio. FRANCESCA E LUISA ESULTANO Piero: Te ne sei scordata la metà. Al massimo . Posso? Prego. Va recitato in terzine, come le formazioni di calcio. Stimolatemi con qualche urletto a ogni terzina declamata. Bonetti, Coppetti, Cappiello. Olé! Coluzzi, D’andrea, Di Modugno. Olé! Galeazzi, Giancaspro, Guizzi. Olé! Lorenzo: Basta. Piero: Che c’è? Lorenzo: All’esame ripeti l’appello o i poeti latini? Ha ragione Lorenzo giochi I poeti latini. Catullo, Lucrezio, Tibullo. Olé! La prossima volta ognuno studia per sé, va bene? Giorgio: Ha ragione Lorenzo, cerchiamo di combinare qualcosa. Hai dimenticato Guidobaldi. La Guidobaldi giochi In terza te la sei pure fatta. Pensa come sarebbe contenta. Lorenzo: Finito? Giorgio: Finito. È uscito greco scritto, ci scaldiamo con qualche traduzione? Lorenzo, scegli il testo. Ora non va a me. Dai! Non mi va. Tutti: Dai giochi Piero: Fai l’offeso? Dai giochi Dai, Lorenzo giochi Lo faccio solo pervoi


Commenti